Sunday, January 14, 2018

Chevreuse - Castello della Maddalena

 

Per arrivare al castello di Chevreuse: RER B fino a St-Rémy-Lès-Chevreuse. All'uscita dalla stazioncina, a sinistra. In autobus o, per godere dell'ambiente bucolico, a piedi lungo la pista ciclabile. In questo caso, passata la Ferme De Coubertin, svoltare a destra. Arrivati al ruscello Yvette, a sinistra sul piacevolissimo sentiero privato. Una volta in paese, seguire le indicazioni e salire verso il castello passando per la salita Jean Racine.


Il ruscello Yvette e i ponticelli (petits ponts).






 
 
 



Prieuré St-Saturnin et St-Eloy

 
 


Verso la fortezza della Maddalena
 
 
La fortezza della Maddalena (Château de la Madeleine)
 
 
 
 
 
 
 
 

Saturday, January 13, 2018

Chiese cattoliche orientali

Sant'Efrem il Siro (Saint Ephrem-le-Syriaque), chiesa cattolica siriaca
 


L'attuale chiesa fu costruita nel 1733. Si trova sul sito del "Collegio dei Lombardi" fondato nel 1334, divenuto nel 1667 "Collegio degli irlandesi".  Nel 1872, Albert de Mun, teorico del cattolicesimo sociale, creò in questa chiesa i primi circoli operai. All'inizio del XX secolo, l'edificio fu acquistato dal municipio di Parigi e poi assegnato nel 1925 alla Missione cattolica siriaca.

 


All'interno, il coro è separato dalla navata da una iconostasi in legno intagliato. Su ciascun lato della navata, le icone presentano i principali santi della Chiesa siriaca dei primi secoli.

 
 



La Chiesa cattolica siriaca è nata da una scissioni dagli ortodossi nel XVII secolo. La liturgia è celebrata nel rito siriaco di Antiochia, in aramaico-siriaco, arabo e francese. Questa Chiesa, il cui patriarca risiede in Libano, ha a circa 175.000 fedeli. 

Indirizzo: 17 rue des Carmes. Parigi 5 ° - Metro 10 Maubert-Mutualité

Nostra signora del Libano,
chiesa cattolica maronita




Il culto maronita fu autorizzato in Francia nel 1892. La cappella  in stile neo-gotico di Santa Genoveffa dei Gesuiti, completata nel 1906 da Jules Astruc, è stato assegnata al culto maronita e inaugurata il 16 luglio 1915 con il nome Nostra Signora del Libano.

Architettura e vetrate

La chiesa è un "edificio storico protetto" costruito su una superficie totale di 1282,24 metri. È l'unico vestigio della scuola fondata dai gesuiti nel 1854. Di stile neogotico, misura 44 metri di lunghezza e 21 metri di altezza sotto la volta. Comprende una navata (12,20 metri di larghezza) di 6 campate delimitata da cappelle laterali e un abside a nove lati. Oggi si trova inserito nel complesso del Foyer libanese.

Indirizzo: 17 rue d’Ulm, PARIS 75005 -- RER B Luxembourg






Le vetrate "maronite" includono, oltre al rosone Sud, altre 8 finestre laterali che rappresentano tre santi (San Marone, Sant'Efrem, San Charbel) e tre sante (ovest: Santa Tecla, Santa Marina e Santa Rafqa)

 


 


Assomiglia a Padre Pio? Allora potrebbe essere il secondo santo più importante dei maroniti, San Charbel, secondo Wikipedia il Padre Pio maronita.

La chiesa maronita

I maroniti sono cattolici orientali di rito siriaco-occidentale. Il nome deriva dall'omonimo santo, Marone che visse a Brad, in Siria, dove si formarono le prime comunità maronite all'inizio del V secolo. Anche se i maroniti celebrano la messa principalmente in arabo, il siriaco è la lingua ufficiale per le preghiere liturgiche.  La figura emblematica di questa comunità è San Charbel Makhlouf, patrono del Libano. La Chiesa maronita è un'eccezione tra le Chiese orientali cattoliche: a differenza delle Chiese orientali, la cui storia è segnata dalla separazione e dalla riunificazione con la Chiesa romana, la Chiesa maronita è sempre rimasta unita a Roma. Si noterà l'assenza dell'iconostasi.

La comunità maronita

Rappresenta la più grande comunità cattolica del Medio Oriente.

Oggi il Libano ha circa un  39% di maroniti, ovvero 800.000 fedeli. Con 23 diocesi e 2 vicariati, i maroniti si trovano principalmente in Europa (1 milione), Sud America (7 milioni), Canada (1,5 milioni) e Stati Uniti (1,5 milioni). La diaspora maronita libanese è di circa 10 milioni, su 12 milioni di libanesi in totale. In Francia, sono 80.000. 

Chiesa di San Giuliano Ospitaliere (Saint-Julien-le-Pauvre),
chiesa cattolica greco melchita




La chiesa di Saint-Julien è una delle più antiche di Parigi, menzionata già nel sesto secolo da Gregorio di Tours. Distrutta nel IX secolo dai Normanni, la Basilica di San Giuliano Martire fu  ricostruita nel 1165. Nel 1660 divenne la cappella del vicino Hôtel-Dieu. Nel 1889 fu venduta ai cattolici greco-melchiti. Nel 1891, il famoso ebanista di Damasco, Bitar, realizzò l'iconostasi.


 
 
 
 
 
 
 



I greci melchiti si trovavano originariamente nei tre grandi patriarcati orientali di Antiochia, Alessandria e Gerusalemme. La loro storia risale al Concilio di Calcedonia (451). Il nome "melkita" deriva dal siriaco "malko" e significa "reale" o "imperiale". È un soprannome dato dai monofisiti agli ortodossi che seguirono il Concilio di Calcedonia. I cattolici melchiti sono cristiani di rito bizantino che si sono uniti alla Chiesa cattolica nel 1724. Oggi sono circa 2 milioni e tutti di lingua araba.
Il patriarca di questa chiesa cattolica porta il titolo di Patriarca di Antiochia e di tutto l'Oriente, Alessandria e Gerusalemme e risiede a Damasco.

Indirizzo: 1 rue Saint-Julien-Le-Pauvre. Parigi 5. Metropolitana 10 Cluny-la-Sorbonne

Friday, January 12, 2018